Home » Cosa vedere a Xi’an oltre l’Esercito di Terracotta

Cosa vedere a Xi’an oltre l’Esercito di Terracotta

by Flavia Sanges
Il Quartiere Musulmano

Seppure il motivo principale per una visita a Xi’an è l’Esercito di Terracotta, l’opera ad imperitura memoria di un sovrano ossessionato dalla ricerca dell’immortalità, questa città ha anche altro da offrire. Non solo è stata capitale sotto ben tredici dinastie, ma uno dei centri più importanti sulla Via della Seta. Se quindi Xi’an per te non è solo una tappa veloce per la visita all’Esercito, eccoti alcune cose che non puoi perderti!

1.IL QUARTIERE MUSULMANO

Il luogo che più abbiamo amato, in cui siamo stati praticamente ogni giorno durante il nostro soggiorno a Xi’an, è stato il Quartiere Musulmano, Hui Min Jie 回民街. Questo intrico di vicoli affollati da venditori urlanti, principalmente dell’etnia Hui (i musulmani cinesi del nord-ovest), e con ogni sorta di cibo, è sicuramente tra i luoghi imperdibili di Xi’an. Merita almeno una passeggiata, se proprio non vuoi assaggiare quante più cose possibili, perchè questo quartiere è il vero paradiso dello street food cinese. Se stai pensando a grilli, cavallette e scorpioni, resterai deluso, perchè non troverai nulla di tutto ciò, ma delle assolute delizie (come il rou jia mo, l’antenato dell’hamburger). Gironzolando per le stradine del quartiere potrei trovare anche spezie, souvenir e oggetti d’artigianato.

Banchetti come questo, con vari tipi di pane, sono molto comuni all’interno del Quartiere Musulmano. E puoi osservare come cuociono queste focacce tonde dentro forni in pietra!
Peperoncini e spezie nel Quartiere Musulmano di Xi’an
Castagne e bingtanghulu, gli spiedini di biancospino caramellati
I rou jia mo, una specie di pita con carne speziata, l’antenato dell’hamburger

📍Fermata Zhonglou sulla Line 2, da qui a piedi attraversa la piazza con la Torre del Tamburo

2.La Grande Moschea di Xi’an

Ti consigliamo di fare anche una visita alla Grande Moschea, perfettamente visibile da ogni punto del quartiere musulmano e davvero unica nel suo genere: un’oasi di pace nel trambusto del mercato musulmano.

Ingresso della moschea, in stile cinese con elementi islamici

E’ la più vecchia moschea di tutta la Cina. La costruzione originaria risale al 742 d.C. ma fu successivamente ampliata durante le dinastie Ming e Qing. E’ tuttora un luogo di culto per i musulmani della città e vale la pena vederla sia perchè non sembra assolutamente una moschea, sia perchè ci troverai pochissimi turisti.

Più un’architettura cinese che islamica, quella di Xi’an è una moschea unica nel suo genere

L’architettura è tipicamente cinese, a iniziare dalla grande decorazione dipinta di rosso e con i caratteristici ideogrammi che ti accoglie all’ingresso e continuando con la successione di cortili pieni di alberi, piccole pagode e rocce, come nella miglior tradizione dei giardini cinesi. Anche il minareto appare in tutto e per tutto simile ad una pagoda. Per capire che si tratta di una moschea devi attraversare i diversi cortili e raggiungere la Sala della Preghiera, in fondo al complesso. E’ l’unica parte della moschea che non è accessibile ai visitatori ma puoi comunque dare uno sguardo da una delle porte aperte affacciate sul cortile. 

Anche il minareto, la torre da cui il muezzin chiama alla preghiera, sembra una pagoda
La Sala della Preghiera, l’unica area interdetta ai visitatori

3.LA TORRE DELLA CAMPANA E LA TORRE DEL TAMBURO

Alla fine del quartiere musulmano, all’interno delle mura, svettano le rosse Torri della Campana e del Tamburo. Eretta nel 1380, durante la dinastia Ming, la Torre del Tamburo deve il suo nome dall’enorme tamburo appeso in cima alla torre. La campana viene suonata all’alba e il tamburo viene colpito al tramonto per indicare la fine della giornata.

Francesco tra i tamburi benauguranti

All’esterno e a pianterreno sono appesi diversi tamburi, ciascuno  decorato con scritte cinesi di buon augurio. All’interno c’è un piccolo museo dei tamburi ed è possibile assistere a spettacoli musicali durante il giorno. 

Spettacolo musicale nella Torre del Tamburo

4.LA GRANDE PAGODA DELL’OCA SELVATICA E LO SPETTACOLO DI LUCI E SUONI

Un pò più fuori dal centro, la Grande Pagoda dell’Oca (大雁塔 Dàyàn Tǎè), è una delle più famose pagode buddiste della Cina.

La pagoda è molto bella di giorno, immersa in un bel giardino nell’area del Tempio Da’cien, ma merita anche di sera con il suo spettacolo laser

E’ una torre lievemente pendente sulla cui origine si tramandano numerose leggende popolari: secondo alcune sarebbe stata lasciata da uno stormo di oche selvatiche, secondo un’altra il monaco Xuan Zang, persosi nel deserto, trovò una sorgente d’acqua grazie alla guida di un’oca selvatica, e tornato a Xi’an avrebbe fatto costruire la pagoda come segno di gratitudine.

Passeggiando nel parco della Grande Pagoda dell’Oca Selvatica

Venne eretta nel 652 d.C. , durante la dinastia Tang, per volere dell’imperatore Gao Zong, per ospitare 1300 sutra, i libri sacri portati dal monaco buddhista Xuan Zang dal suo viaggio in India. Tra 701 e 705 l’imperatrice Wu Zetian fece aggiungere cinque piani ai due originari.

Tutte le sere c’è nella piazza antistante la pagoda lo spettacolo con le fontane danzanti

Sulla grande piazza con le fontane a nord della pagoda la sera tra le 20 e le 21 di solito si tiene uno spettacolo di suoni e luci.

📍Fermata Dayanta sulla Line 3 della metro

5.LE MURA DI XI’AN

Il giro in bici del perimetro delle mura di Xi’an, è un’esperienza che consigliamo caldamente, ed è in assoluto una delle cose più belle da vedere in città. 

Sulle mura di Xi’an

E’ possibile noleggiare e restituire le biciclette in 4 punti della cinta muraria, nel caso in cui non si abbia tempo o voglia di percorrere l’intero perimetro. Si tratta di 14 km di mura ben conservate, da cui poter vedere e fotografare vari scorci della città. In una bella giornata di sole come quella in cui siamo stati noi, è davvero una piacevole attività.

Vedi la Go Pro attaccata alla bici? Ci siamo accorti uscendo dalle mura che non l’avevamo staccata😤 Per fortuna siamo tornati indietro ed era ancora lì ☺️

Alte, spesse e massicce, le mura di Xi’an vennero erette nel XIV secolo durante la Dinastia Ming. Unificato il paese, Zhu Yuanzhang si proclamò imperatore e diede ordine di costruire le mura cittadine. L’area del Qin centrale divenne la più solidamente fortificata e strategicamente inespugnabile.

6.Cosa vedere a Xi’an se hai più tempo

Il Museo della Foresta di Stele si trova vicino le mura, e contiene migliaia di stele in pietra con incise massime confuciane, e una tavoletta con la più antica testimonianza della diffusione del Cristianesimo in Cina, antiche carte geografiche ed una galleria ricca di splendide sculture.

Nella foresta di stele. questi cippi scolpiti erano usati per legare i cavalli.

Il Museo di Xian e la Pagoda della Piccola Oca Selvatica sorgono in un giardino tranquillo e ben curato situato circa 2 Km a sud della cinta muraria. Anche la Pagoda della Piccola Oca Selvatica, fu fatta realizzare per contenere i testi sacri portati da monaci buddhisti dai loro viaggi in India.

Avremmo voluto vedere il Museo dello Shanxi, ma purtroppo era visitabile solo su prenotazione (che non avevamo) e per un massimo di persone al giorno (che quando siamo arrivati era già stato raggiunto).

Xi’an ci ha davvero colpito, con le sue mura imponenti, l’Esercito di Terracotta, tracce di un passato glorioso, e con le delizie del suo quartiere musulmano che ne fanno la capitale dello street food cinese. Ma di cosa mangiare a Xi’an (e c’è davvero tanto) ti parlerò nel prossimo articolo!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You may also like

Questo sito utilizza cookies per garantire il suo corretto funzionamento. Se vuoi saperne di più e/o negare il consenso a tutti o alcuni cookies, consulta la nostra privacy policy. Se decidi di continuare la navigazione, i cookies verranno considerati come accettati. Accetta Leggi la policy estesa

Privacy & Cookies Policy